CRONACA

Pokè, in Italia fatturato di 328 milioni per il piatto hawaiano

Growth Capital, lungo lo Stivale presenti 820 punti vendita

Il pokè, piatto tipico della cucina hawaiana a base di pesce crudo marinato, continua a crescere in Italia raggiungendo un fatturato di 328 milioni a giugno del 2022 (+117%).

Nel 2021 il giro d’affari è stato di 151 milioni. Lo rileva la seconda edizione del report “Il mercato del Pokè in Italia”di Growth Capital, advisor in Italia per aumenti di capitale e operazioni di finanza straordinaria per startup e Pmi (Piccole e medie imprese), in occasione della Giornata mondiale del pokè del 28 settembre.

Positivo l’andamento in Italia delle pokerie (punti vendita): al 30 giugno 2022 Growth Capital ha registrato 820 attività, +140% rispetto al 2021.

A livello geografico, Milano, Roma e Torino si confermano come le città italiane in cui il mercato del pokè è più sviluppato. Sul territorio la crescita è confermata da Deliveroo.

Dal 2015, anno di arrivo del food delivery in Italia, ad oggi sono state ordinate- informa una nota- “un numero di poke bowl che copre una superficie di 33.500 mq, pari a quella dell’intero Stadio Olimpico di Roma”.

Nel secondo trimestre del 2022, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, registrato un incremento degli ordini di poke del 73%. Tra le tipologie più amate, il salmon poke è in cima alle preferenze, davanti alla versione chicken, all’exotic salmon, al spicy salmon e allo spicy tuna.

ANSA

Back to top button