CRONACA

Gerusalemme, scontri e feriti sulla Spianata delle Moschee Tra manifestanti palestinesi e le forze di polizia israeliana

Violenti scontri tra manifestanti palestinesi e polizia israeliana sono in corso da stamani sulla Spianata delle Moschee, a Gerusalemme.

E’ almeno di 150 il bilancio dei manifestanti palestinesi feriti negli scontri.

Lo riferisce la Mezzaluna Rossa citata dai media. Dei feriti, 40 sono stati portati in ospedale e almeno due sono quelli in gravi condizioni. Secondo fonti palestinesi ci sono anche decine di fermi. Tre agenti israeliani sono rimasti feriti nei violenti scontri.

Secondo la radio militare fedeli islamici, che celebrano oggi il secondo venerdì del Ramadan, hanno organizzato un corteo nella Spianata, hanno ostentato bandiere di Hamas e hanno attaccato le forze di sicurezza israeliane lanciando sassi e sparando fuochi di artificio ad altezza d’uomo.

Alcune decine di persone si sono poi barricate nella Moschea al-Aqsa. Gli incidenti proseguono e secondo fonti palestinesi ci sono sul posto una trentina fra feriti e contusi.

Secondo la polizia l’intervento degli agenti si è reso necessario per impedire che sassi cadessero nella sottostante spianata del Muro del Pianto. Migliaia di agenti sono stati dislocati a Gerusalemme per mantenere il controllo della situazione mentre da stasera si celebra anche la Pasqua ebraica.

Nabil Abu Rudeina – portavoce del presidente Abu Mazen – ha denunciato “l’assalto” da parte della polizia di Israele alla Moschea Al-Aqsa come “uno sviluppo pericoloso e una dichiarazione di guerra al popolo palestinese”.

ANSA

Back to top button