POLITICA

BANDO 6.1, 401 DOMANDE PER NUOVE AZIENDE AGRICOLE GIOVANI

Fanelli: “Esprimo particolare soddisfazione per i tempi celerissimi con cui sono state istruite le istanze”

Sono 401 le domande di partecipazione al bando della Sottomisura 6.1 del Programma di Sviluppo Rurale della Regione Basilicata per il periodo 2014-2022, che si prefigge di sostenere il primo insediamento di giovani in agricoltura.

Attivato nello scorso mese di novembre, il bando prevedeva quale termine della prima fase di candidatura il 18 febbraio scorso.

Nella parte finale del 2021, gli Uffici della Direzione per le Politiche agricole, alimentari e forestali, hanno realizzato una capillare opera di divulgazione dell’avviso pubblico, attraverso undici incontri sul territorio regionale, per favorire la più ampia conoscenza delle opportunità offerte dalla misura del PSR Basilicata.

Con atto dell’Ufficio Autorità di Gestione del PSR Basilicata, si è proceduto alla individuazione delle istanze che, sulla base delle autovalutazioni dei requisiti di accesso e di merito saranno chiamate a presentare il piano di sviluppo aziendale.

Si tratta di 316 aziende (il 79% circa delle candidature) che dovranno presentare la domanda di sostegno e la documentazione a corredo, come previsto dall’avviso pubblico.

“Esprimo particolare soddisfazione per i tempi celerissimi con cui sono state istruite le domande.

Grazie all’applicazione di una procedura semplificata e più snella – sostiene il vicepresidente e assessore al ramo Francesco Fanelli – è stato possibile procedere in pochi giorni all’approvazione di un primo elenco dei candidati che ora sono chiamati a presentare i propri progetti di sviluppo aziendale, nei quali rappresentare la propria idea di impresa agricola, verificando l’esistenza degli elementi di redditività che possano assicurare la sostenibilità economica e sociale della nuova iniziativa imprenditoriale”.

Il bando, rivolto a giovani di età compresa fra 18 e 40 anni (41 anni non compiuti), in possesso di partita IVA agricola da non più di 24 mesi dalla domanda di partecipazione, presenta una dotazione finanziaria di 15 milioni di euro e prevede il riconoscimento di un premio forfettario di 70 mila euro agli insediamenti ricadenti in aree territoriali con vincoli naturali (aree montane) o specifici (Aree Parco o Natura 2000) e di 60 mila euro per quelle aziende situate in altre aree del territorio regionale.

“La risposta dei giovani dimostra ancora una volta quanto stia crescendo l’appeal del settore agricolo verso le nuove generazioni – conclude Fanelli – e, al tempo stesso, quanto possano essere importanti i giovani che scelgono l’agricoltura come ambito di impegno lavorativo, apportando la loro propensione all’innovazione, le competenze avanzate e una maggiore resilienza alle condizioni di contesto”.

Nei prossimi giorni, a seguito della pubblicazione sul BURB dell’atto di approvazione dell’elenco delle aziende ammesse alla Fase 2 della procedura di selezione, i giovani candidati avranno 45 giorni di tempo per poter candidare le proprie istanze con la presentazione della domanda di sostegno sul Sistema Informativo Agricolo Nazionale (Sian) e mediante l’inoltro della documentazione richiesta nel portale SIA-RB.

Back to top button