CRONACA

COVID: Prova di ripartenza, da oggi meno restrizioni

Dalla scuola alle discoteche, la road map della normalità. Ma il Governo invita alla cautela

Da oggi in Italia meno restrizioni e più aperture, anche se il governo si mantiene prudente: il Green pass non si tocca.

Entrano infatti in vigore le nuove regole per le quarantene a scuola dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto 4 febbraio n. 5.

Come spiegato nelle Faq pubblicate sul sito del Ministero dell’Istruzione, dovranno rientrare a scuola tutti gli studenti «vaccinati o guariti» delle scuole elementari che avevano in classe fino a 5 compagni positivi. Sulla carta circa 600 mila studenti sono attesi in classe.

Ma gli studenti delle superiori vogliono tornare in piazza per gli esami di maturità e l’alternanza scuola-lavoro. Da oggi entra anche in vigore il Green pass illimitato o senza scadenza per chi ha fatto la terza dose del vaccino anti Covid-19, o ha fatto due dosi e poi è guarito dalla positività al Coronavirus.

  • nella scuola dell’infanzia l’attività educativa in presenza rimane fino a quattro casi di positivi; con il quinto scatta la Dad e quindi tutti i bambini che fino all’ultimo giorno di scuola erano in quarantena per due o tre compagni potranno tornare in classe;
  • è previsto l’utilizzo di mascherine ffp2 da parte dei docenti e degli educatori fino al decimo giorno successivo alla conoscenza dell’ultimo caso di positività; in caso di comparsa di sintomi, è obbligatorio effettuare un test antigenico (rapido o autosomministrato) o un test molecolare; se si è ancora sintomatici, il test va ripetuto al quinto giorno successivo alla data dell’ultimo contatto;
  • nella scuola primaria o elementare la Dad scatta al quinto caso di positivo in classe ma solo per i non vaccinati; fino al quarto le attività rimangono in presenza ma con mascherine Ffp2; la quarantena dura 5 e non 10 giorni; per la permanenza in aula è prevista la Certificazione Verde Covid-19;
  • alle scuole medie e alle superiori la didattica a distanza scatta con due positivi e anche qui solo per i non vaccinati e per cinque giorni; tutti gli altri alunni, immunizzati, guariti da meno di sei mesi ed esenti, seguiranno sempre le lezioni in classe con mascherina Ffp2 per dieci giorni; anche qui gli insegnanti verificheranno con la App il loro Green Pass.

Addio, poi, all’obbligo delle mascherine all’aperto in zona bianca da venerdì prossimo, quando anche le discoteche potranno riaprire con certificato rafforzato, mascherine (ma non in pista) e capienza al 50 per cento.

La road map per il ritorno alla normalità segna il via in queste ore. Si riparte con prudenza, ma che si stia aprendo “una nuova fase per il Paese” è lo stesso coordinatore del Cts Franco Locatelli ad annunciarlo. Il quale però avverte: “va gestita la riapertura”, con un'”adeguata progressività”.

L’ultima misura a cadere sarà probabilmente il certificato verde: ad avviso di Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute, bisognerà mantenerlo almeno per tutta l’estate.

 

Back to top button