CRONACA

Al Crob di Rionero, donati diecimila euro per la ricerca sul sarcoma epitelioide

Una notizia più che positiva per l’Irccs Crob di Rionero in Vulture (Potenza), grazie ad una generosa donazione dell’Associazione “Orchestra per la vita ONLUS”.

Ben diecimila euro al Centro oncologico lucano, allo scopo di portare avanti il progetto di ricerca sul sarcoma epitelioide, un tipo di tumore molto raro, così definito perché colpisce un numero molto ristretto di persone e di cui sono noti almeno 50 sottotipi. Si tratta di una neoplasia rara di origine connettivale recidivante – ha spiegato il direttore scientifico dell’Irccs Crob, Alessandro Sgambato – caratterizzata dall’elevata capacità metastatica.

Una malattia che colpisce prevalentemente i giovani adulti di età compresa tra i 20 e i 39 anni, da cui ne deriva la denominazione di “tumore del giovane adulto”. È possibile fare una diagnosi genetica delle sindromi ereditarie che predispongono alla malattia, ma solo qualora si abbia già avuto un caso in famiglia.

Proprio la rarità di queste patologie può influenzare negativamente la relativa ricerca clinica e farmacologica, dato lo scarso interesse delle case farmaceutiche. Per questo motivo, paradigmatico è da considerarsi il grande sostegno offerto dall’Associazione Orchestra per la Vita e che già dallo scorso giugno, con un ulteriore finanziamento, aveva permesso di avviare la messa in coltura di cellule di sarcoma epitelioide e i primi test mediante diversi farmaci innovativi.

Ad oggi, invece, si è al lavoro per identificare un farmaco che risulti efficace senza danneggiare eccessivamente i tessuti sani.

L’Associazione Orchestra per la Vita ONLUS nasce ufficialmente il 19 dicembre 2014 per volontà del suo attuale Presidente Leda Berto, madre di Martina, una ragazza colpita dal Sarcoma Epitelioide e che, purtroppo, è venuta a mancare nel 2016.

L’associazione ha finanziato uno studio osservazionale promosso dall’Italian Sarcoma Group in collaborazione con la Rete Tumori Rari, il cui scopo è quello di approfondire la storia naturale della neoplasia, gli esiti dei trattamenti e la sensibilità alle terapie mediche, unitamente all’allestimento di una biobanca virtuale. Per chi volesse donare il suo 5 per 1000, può farlo indicando il seguente codice fiscale: 13036781006. 

 

di Michela Castelluccio

 

Condividi
Back to top button