CULTURA E EVENTI

EDUCARSI ED EDUCARE ATTRAVERSO LO SPORT A MATERA

Venerdì 13 settembre 2019, ore 16.30 Sala parrocchiale di San Giovanni Battista Via San Biagio, Matera

Lo sport è uno straordinario strumento educativo, sociale e culturale. Attraverso la condivisione dei valori più genuini, rappresenta un veicolo di formazione e un luogo di incontro.

Venerdì 13 settembre 2019, alle 16.30 presso la Sala parrocchiale di San Giovanni Battista, l’Università Cattolica del Sacro Cuore organizza un incontro a Matera, Capitale europea della cultura: lo sport come strumento educativo, sociale e culturale.

Con testimonianze di manager e dirigenti sportivi come Edgardo Zanoli, già responsabile del Coordinamento tecnico del Settore giovanile A.C. Milan, e di una grande atleta come Camilla Patriarca, campionessa del mondo di ginnastica ritmica

Quando lo sport può essere davvero uno strumento educativo, sociale e culturale?  Sicuramente, non lo è in automatico.

Se infatti i benefici della pratica sportiva dal punto di vista educativo, sociale e culturale sono oggi perlopiù noti, non è altrettanto semplice definire il momento in cui essa diventi un veicolo educativo, sociale e culturale.

Per rispondere a questa domanda, nell’ambito delle iniziative che l’Università Cattolica del Sacro Cuore sta organizzando per Matera Capitale europea della cultura, venerdì 13 settembre 2019 presso la Sala parrocchiale di San Giovanni Battista si terrà l’incontro “Educare ed educarsi attraverso lo sport” promosso da Cattolica per lo Sport, la piattaforma dell’Università Cattolica a servizio di club, aziende, istituzioni sportive ed atleti per lo sviluppo della competitività e la creazione di valore.

“Sono particolarmente felice di questa iniziativa che come Università Cattolica abbiamo voluto offrire nel contesto delle attività legate a Matera, Capitale europea della cultura – commenta la professoressa Antonella Sciarrone Alibrandi, prorettore dell’Università Cattolica del Sacro Cuore -.

Lo sport rappresenta un contesto educativo assai significativo, nel quale si riescono a raggiungere anche i ragazzi che sfuggono al più tradizionale contesto scolastico.

Fondamentale è, dunque, rivolgere attenzione e cura a questo tipo di esperienza, giovandosi delle esperienze e dei progetti che come Cattolicaper lo Sport stiamo elaborando in questi anni”.

All’incontro, preceduto dai saluti del presidente del Coni Basilicata, Leopoldo Desiderio e  del direttore della Sede di Milano dell’Università Cattolica, Mario Gatti, parteciperanno manager e dirigenti sportivi come Edgardo Zanoli, già responsabile del Coordinamento tecnico del Settore giovanile A.C. Milan, una grande atleta come Camilla Patriarca, campionessa del mondo di ginnastica ritmica, nella specialità cinque nastri e aviere capo dell’Aeronautica Militare e una docente, la professoressa Caterina Gozzoli, che da anni lavora a stretto contatto con atleti e società sportive.

“Parlare di sport educativo significa riflettere sulle condizioni che lo possono rendere tale – spiega la professoressa Caterina Gozzoli, direttore dell’Alta Scuola di Psicologia Agostino Gemelli e coordinatore scientifico di Cattolica per lo Sport -.

La sfida proposta da questo incontro sta nel fatto che lo sport porta con sé tante possibilità.

Si partirà dunque dal campo, dai regolatori del gioco, dagli attori e dal contesto per andare a leggere, insieme agli ospiti, cosa può accadere di educativo e quali sono, in termini di azioni e riflessioni, le cose emergono che dal campo”.

“Se lo sport è davvero educativo – continua la professoressa Gozzoli – anche i talenti possono crescere.

La qualità delle relazioni e dei dispositivi che consentono a un’atleta di esprimersi al massimo sono fondamentali. In questa ottica, si inserisce la doppia carriera degli atleti che coniugano la vita sportiva con istruzione e lavoro”.

E proprio per dare sostegno alle carriere universitarie degli atleti di alto livello, il progetto “Università e Sport: la Dual Career in Università Cattolica” promosso da Cattolica per lo Sport offre borse di studio e un servizio individualizzato di accompagnamento, orientamento e monitoraggio del percorso accademico.

Nell’anno accademico 2018/2019 vi hanno partecipato ben 25 atleti che frequentano 6 diverse Facoltà dell’Università Cattolica e provengono da 18 sport differenti.

 

Condividi

Related Articles

Back to top button
Close