MEDIA

Digitalizzazione Pmi può portare 10,2 mld euro al Pil dell’Italia

Studio Meta-Ambrosetti, possibili 208 mila nuovi posti lavoro

La digitalizzazione delle Piccole e medie imprese in Italia potrebbe portare 10,2 miliardi di euro di contributo al Pil e 208 mila nuovi posti di lavoro.

Le Pmi che usano i canali digitali sono riuscite a far crescere del 20% i propri ricavi, del 30% la propria clientela e del 40% il numero dei follower con una crescita del 50% delle visite presso gli store fisici.

E’ il risultato di uno studio realizzato per Meta, la società madre di Facebook, da The European House – Ambrosetti e presentato a Roma nel corso di della tavola rotonda ‘Il contributo dei social network e dei canali digital per la crescita e la digitalizzazione delle Pmi italiane’.

Secondo il Digital Index Pmi, elaborato per l’occasione da Ambrosetti, le Piccole e medie imprese italiane sono al 18/mo posto nell’Ue27 per livello di digitalizzazione e interazione digitale con i clienti.

Ancora più ampio il ritardo nello sviluppo delle competenze digitali: sono al 21/mo posto, con i livelli più bassi di specialisti di Information Technology in Europa.

Un divario reso ancora più evidente dal fatto che solo il 15% delle Pmi tricolori è in grado di fornire formazione digitale ai propri dipendenti (la media Ue è del 18%). Se l’Italia raggiungesse i valori di Danimarca, Finlandia e Svezia, i tre paesi ‘best performer’, potrebbe aumentare fino al 9,2% la produttività del lavoro nelle Pmi e generare fino a 24,8 miliardi di euro aggiuntivi di contributo al Pil.

“Gli strumenti digitali non sono mai stati così importanti come in questo momento. Lo studio dimostra che il digitale può contribuire a far crescere in modo significativo l’occupazione, anche in quegli ambiti in cui il nostro Paese è ancora fanalino di coda in Europa”, ha dichiarato Luca Colombo, Country Director di Meta in Italia.

“Particolarmente critici sono i ritardi nell’ambito delle infrastrutture di rete e delle competenze digitali nelle imprese.

E’ quindi più che mai urgente intervenire per consentire il pieno dispiegamento del potenziale di crescita per il sistema Paese”, ha aggiunto Valerio De Molli, Managing partner e Amministratore delegato di The European House – Ambrosetti.

ANSA

Back to top button