CRONACA

Brusaferro, 11 casi di Omicron, ancora in aumento l’incidenza, l’epidemia è in espansione

Sono 173 i casi ogni 100 mila persone. Il 57% degli over 80 ha fatto la terza dose, ma ancora 6 milioni e mezzo di non vaccinati over 12

‘Attualmente in Italia ci sono 11 sequenze di variante Omicron, altre sono sospette, e colpiscono piu’ regioni’, ovvero Calabria, Campania, Sardegna, Veneto e provincia di Bolzano.

‘Riguardano casi di persone che avevano transitato in Sud Africa o loro contatti stretti ‘.

In generale, l’epidemia è in espansione, con l’Rt a 1,2 e un’incidenza in aumento a 173 casi ogni 100 mila persone tra il 29 novembre e il 6 dicembre e una “forte corrispondenza” tra la diffusione e la popolazione non vaccinata. Lo ha spiegato il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss), Silvio Brusaferro, in un’audizione in Commissione Affari Costituzionali del Senato sugli “Obblighi vaccinali e rafforzamento certificazioni verdi Covid-19”.

I NON VACCINATI –“La popolazione sopra i 12 anni vede ancora 6 milioni e 570mila persone che non hanno iniziato nessun ciclo vaccinale, molti sono in età lavorativa tra 30 e 60 anni, sottolinea.

I RICOVERI – “Per quanto riguarda l’occupazione posti letto – continua Brusaferro – abbiamo una crescita che aumenta di circa un punto percentuale a settimana a livello nazionale” e “continua crescere anche in terapia intensiva”. Così come “un Rt intorno a 1,2 – stasera o domani avremo dati più aggiornati ma quelli preliminari mostrano che ci manteniamo su questa tendenza – indica che siamo ancora in una situazione di crescita della circolazione”.

L’INCIDENZA –“Siamo ancora – rimarca – in situazione epidemica. I dati aggiornati a ieri sera mostrano che sta ancora aumentando in termini di numero di nuovi infetti, con un’incidenza di 173 casi su 100.000 persone” tra il 29 novembre e il 6 dicembre.

E si tratta “di un andamento della circolazione che tocca alcune fasce più di altre, mostrando una forte corrispondenza con la popolazione non vaccinata”, ha dichiarato il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss), Silvio Brusaferro, in audizione in Commissione Affari Costituzionali del Senato sugli “Obblighi vaccinali e rafforzamento certificazioni verdi Covid-19”.

“La popolazione sopra i 12 anni vede ancora 6 milioni e 570mila persone che non hanno iniziato nessun ciclo vaccinale, molti sono in età lavorativa tra 30 e 60 anni.

LE TERZE DOSI – Tolti i ragazzi sotto i 30 anni, le coperture più basse sono nella fascia 30-49 anni, che è anche quella caratterizzata da maggior circolazione.

Il dato positivo è che negli ultra80 sta crescendo in modo significativo la somministrazione della terza dose. Siamo arrivati al 57% in base ai dati di ieri sera”, è un piccolo messaggio di speranza del presidente dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss).

ANSA

Back to top button