CRONACA

Piano Vaccini: la mappa delle dosi Regione per Regione e quanto costeranno

I primi lotti di dosi, in testa la Lombardia epicentro della pandemia in Italia con quasi 305 mila fiale, seguono l'Emilia Romagna, il Lazio, il Piemonte e il Veneto

Il Piano vaccini Covid-19 è pronto. Prima di Capodanno, la data annunciata è il 27 dicembre, ci saranno le prime batterie limitate di vaccinazioni.

A gennaio inizierà la vaccinazione di massa vera e propria. Per cominciare oltre 1,8 milioni di dosi saranno consegnate dalla Pfizer, dopo l’autorizzazione dell’Agenzia del farmaco europea (Ema) e poi di quella italiana, l’Aifa, attese la prossima settimana, in tempi da record.

Nella prima consegna la Pfizer invierà 1.833.975 dosi di vaccino, nella seconda, alcune settimane dopo, oltre due milioni e mezzo. Nella prima fase saranno vaccinati operatori sanitari e sociosanitari, pubblici e privati, nonché ospiti e personale delle residenze per anziani.

Nella seconda fase della campagna ci sarà il richiamo per i primi vaccinati e si inizierà a somministrare le dosi alle categorie più fragili. In Italia sono 22 i punti Ult (Ultra-low temperature) e diventeranno, secondo il Piano vaccini, 289 dopo il 7 gennaio.

Il 26 diembre arriveranno le prime 9.750 dosi. Le dosi arriveranno all’ospedale Spallanzani di Roma e da lì saranno poi inviate in tutte le regioni in modo da poter far partire le vaccinazione, in maniera simbolica, in tutta Italia nel giorno del Vaccine day europeo, ovvero il 27 dicembre.

La ripartizione per Regione

Abruzzo: 25.480 – Basilicata: 19.455 – Calabria: 53.131 –  Campania: 135.890 – Emilia Romagna: 183.138 – Friuli VG: 50.094 – Lazio: 179.818 – Liguria: 60.142 – Lombardia: 304.955 – Marche: 37.872 – Molise 9.294 – PA Bolzano: 27.521 –  PA Trento: 18.659 – Piemonte: 170.995 – Puglia: 94.526 – Sardegna: 33.801 – Sicilia: 129.047 – Toscana: 116.240 – Umbria: 16.308 – Valle d’Aosta: 3.334 – Veneto: 164.278.

I costi dei vaccini

I Paesi dell’Ue pagheranno 12 euro a dose per il vaccino contro la Covid-19 sviluppato da Pfizer e BionTech e 18 dollari a dose per quello di Moderna. Sono i prezzi riportati dal giornale fiammingo Het Laatste Nieuws, che ha pubblicato lo screenshot di un tweet della sottosegretaria al Bilancio belga Eva de Bleeker, la quale ha lanciato i prezzi in rete per errore.

La sottosegretaria ha poi cancellato il tweet, ma Hln lo ha screenshottato e lo ha pubblicato. Per l’eurodeputato Peter Liese (Cdu Germania), responsabile per la Salute del gruppo Ppe, i prezzi riportati nel tweet pubblicato da Hln sono “realistici”. Secondo la tabella, il vaccino Oxford/AstraZeneca è il più economico (1,78 euro a dose). Per Curevac sono 10 euro a dose, per Sanofi/Gsk 7,56 euro a dose, per Johnson & Johnson 8,5 dollari a dose. I prezzi finora erano rimasti riservati, anche perché la Commissione sta ancora negoziando un contratto con Novavax.

(TiscaliNews)

Back to top button