CULTURA E EVENTI

Argenti e meraviglie, a Genova anche il Barocco è super

Scuderie e NG Washington per raccontare una parabola eccezionale

Dall’alto del suo cavallo bianco, ritratto dal grandissimo Rubens in una posa che all’epoca era concessa soltanto ai sovrani, il trentenne Giovan Carlo Doria accoglie i visitatori con un’immagine di sé che già la dice lunga sulla raffinatezza e l’opulenza della sua ricca Genova.

Era il 1606 e la strepitosa città ligure che qualche giorno fa il premier ucraino Zelensky ha gemellato alla sua Mariupol, ricordando il bombardamento che nel 1944 ne devastò le meraviglie, viveva allora un periodo d’oro, trasformata dai commerci in una capitale finanziaria internazionale dove il denaro, ma anche l’argento che arrivava in grande quantità dal sud America, aveva reso l’arte un’ottima forma di investimento.

Edifici così belli che sempre il fiammingo Rubens sentì il bisogno di disegnarne interni e facciate e poi di pubblicare ben due volumi di questi suoi disegni per farle conoscere e apprezzare anche alla borghesia europea.

Con le case dei patrizi e dei grandi commercianti inzeppate di enormi ritratti di famiglia, le tavole sfavillanti di argenti. E una folla di artisti arrivati da ogni dove ad animare un secolo Barocco che proprio qui, tra le mura e le genti di questa città “Superba”, come l’aveva definita Petrarca, assunse un carattere del tutto particolare, se non addirittura unico.

Immaginata e organizzata insieme alla National Gallery of art di Washington e in parte purtroppo limitata dalla pandemia che alla fine ha fatto saltare proprio la tappa americana, “Superbarocco, arte a Genova da Rubens a Magnasco”, la grande mostra che dal 26 marzo al 3 luglio si apre alle Scuderie del Quirinale, ricostruisce e racconta proprio queste atmosfere, con opere immense, strabordanti, abbacinanti, alle volte anche nelle dimensioni.

E una selezione eccezionale di oggetti, dagli argenti incredibilmente scolpiti agli opulenti tavoli da muro, che si aggiunge alle tele, alle pale d’altare, alle sculture, in marmo e in argento, agli straordinari arazzi. Un insieme da capogiro che da il senso di un’epoca e di una società mondana e ricca di rapporti internazionali, dove convivevano stili, culture e scuole diverse.

“Una mostra pensata per raccontare Genova fuori da Genova”, premette lo storico Piero Boccardo, curatore insieme con Jonathan Bober e Franco Boggero di questo ambizioso progetto nato addirittura nel 2015 e finalmente arrivato alla luce in contemporanea e in accordo con una vasta serie di eventi che dal 26 marzo prenderanno il via anche nel capoluogo ligure.

Pensato per approfondire gli studi e la ricerca storica, come sottolineano i curatori e il direttore delle Scuderie Lanfranconi. Ma anche per mandare un messaggio da quella Genova che, per dirla con il governatore regionale Giovanni Toti e con il sindaco Marco Bucci, già prima “dell’inverno della pandemia” ha subito il crollo del ponte Morandi.

E che oggi, come dopo la peste che la flagellò proprio nel Seicento, è pronta a lavorare tutta insieme per dimostrare la sua forza e farsi conoscere nel mondo.

Complesso e perlopiù rimasto circoscritto al suo territorio, fanno notare del resto i tre curatori, il Barocco a Genova non “è stato quasi mai abbastanza compreso o apprezzato. Tanto che le opere dei suoi artisti, con l’eccezione dei non molti attivi in giro per l’Italia (da Bernardo Strozzi a Filippo Parodi o Alessandro Magnasco) sono scarse fuori dalla Liguria”. Così come sono pochi i musei d’Europa e degli stati Uniti “che ne possiedono una piccola rappresentanza”. Tante delle opere in mostra provengono non a caso da privati collezionisti.

Una tradizione della città che parte da lontano, fa notare ancora una volta Boccardo, proprio dal secolo d’oro del Barocco, dove Giovan Carlo Doria, sempre lui che pure morì giovane, era arrivato a possedere addirittura 700 dipinti. O come la potente famiglia dei Grimaldi, che nel 1623 commissionò a Van Dyck ben tre ritratti, tra cui quello dell’elegantissima Elena, con il servitore nero che le ripara la testa con un ombrellino rosso (nella ricca Genova di quei tempi non mancavano neppure gli schiavi).

Dai ritratti alle nature morte, i disegni, le pitture religiose: il viaggio delle Scuderie nel Barocco genovese offre di tutto un po’, puntando però sempre, sottolinea Bober, “sugli artisti più rappresentativi e scegliendo per ciascuno di questi il capolavoro”.

Con il sostegno degli sponsor, in prima fila Webuild, della generosità del museo di Washington e l’aiuto di prestiti davvero eccezionali , sottolinea il presidente delle Scuderie Mario De Simoni.

Su tutti la strepitosa Madonna Immacolata d’argento scelta per chiudere il percorso: commissionata da sette genovesi nel 1748 servì a ringraziare il doge Giovan Francesco Brignole per il ruolo giocato nel conflitto con le truppe austriache che avevano occupato la città. In qualche modo dalla Barocca Genova anche un segno di pace.

 

 

 

Back to top button