POLITICA

Basilicata:Sanità e Ambiente, audizioni in IV commissione

Auditi i rappresentanti dell’associazione Nuova Sanità e Benessere sulle criticità del sistema sanitario regionale e il Dirigente Generale dell' Arpab, Tisci sulla pdl "Introduzione dei limiti emissivi di idrocarburi non metanici" di iniziativa di Perrino

La quarta commissione (Politica sociale) del Consiglio regionale della Basilicata, presieduta da Massimo Zullino (Lega), ha audito la Presidente dell’Associazione Nuova Sanità e Benessere, Prof.ssa Felicia Rasulo, accompagnata dal vice presidente Nunzio Pasciucco in merito alle criticità del sistema sanitario regionale, con particolare riferimento alla sanità della Montagna Materana.

Gli auditi, dopo aver illustrato le finalità dell’associazione nata nel 2020 con l’obiettivo di avere una sanità sana, al servizio di tutti i cittadini indipendentemente da dove vivono, hanno evidenziato la necessità di   individuare un nuovo modello di sanità pubblica prevedendo l’ammodernamento delle strutture sanitarie esistenti, proteggere la salute e tutelare l’ambiente in armonia con l’ecosistema.

Sottolineata anche la necessità di valorizzare le strutture sanitarie presenti sui territori per evitare la migrazione sanitaria, valorizzando gli ospedali storici da sempre a servizio delle aree interne. Tra i punti di criticità evidenziati quello dell’ospedale di Stigliano poco attenzionato, impossibilitato ad usufruire dell’elisoccorso di notte e carente di un centro alzheimer nonostante ci sia un progetto in tal senso mai attuato.

Sono intervenuti, oltre al presidente Zullino, i consiglieri Trerotola e Acito.

Successivamente è stato audito il Dirigente Generale dell’ Arpab, Antonio Tisci, accompagnato dal direttore tecnico scientifico Achille Palma sulla proposta di legge “Introduzione dei limiti emissivi di idrocarburi non metanici (NMHC) e idrogeno solforato (H2S)”, d’iniziativa del consigliere Perrino che ha come obiettivo la tutela della salute delle popolazioni lucane più direttamente esposte alle emissioni rivenienti dalle estrazioni petrolifere.

“Il problema che abbiamo – hanno detto – è che, non esistendo una normativa nazionale, non esiste una procedura di certificazione degli strumenti. Eventuali erogazioni di sanzioni sarebbero impugnabili davanti a qualsiasi autorità amministrativa.

Abbiamo inviato una relazione alla Giunta per l’implementazione delle analisi dei non metanici. Bisognerebbe definire livelli di concentrazione di attenzione per muoversi di conseguenza con le aziende. Quando parliamo di qualità dell’aria, per emettere una sanzione non si può solo accertare il superamento ma anche i responsabili del superamento”.

Sull’argomento sono intervenuti i consiglieri Perrino  e Acito.

La commissione ha quindi licenziato alla unanimità (non hanno partecipato al voto i consiglieri Perrino, Polese e Trerotola), l’atto amministrativo – dGr n.691/2021 “Interventi di solidarietà in favore degli emigrati lucani nei Paesi dell’America Latina”. Criteri e modalità di concessione dei contributi.

Previsto il completamento dei progetti già avviati e finanziati alle Federazioni e/o Associazioni degli Emigrati Lucani operanti in America Latina con il contributo riveniente dalla L.R. n. 43/98.

I contributi saranno concessi a favore delle Federazioni delle Associazioni degli Emigrati Lucani e/o Associazioni (in assenza delle Federazioni) operanti in America Latina fino alla concorrenza massima di euro 25.000 per ciascun progetto.

La Federazione e/o Associazione beneficiaria del contributo, realizzato il progetto, dovrà produrre dettagliato rendiconto relativamente alle risorse finanziarie erogate dalla Regione Basilicata. Gli interventi riguardano forniture di opere, beni o servizi, anche di carattere sanitario e per la formazione, sussidi in danaro per interventi di carattere sanitario e scolastico.

Rinviato l’esame, per maggiori approfondimenti, prevedendo anche l’audizione della presidente dell’ordine degli psicologi, della proposta di legge “Istituzione del servizio di psicologia scolastica”, d ‘iniziativa dei consiglieri Cifarelli e Polese.

“La proposta – si legge nella relazione – ha l’obiettivo di istituire un servizio strutturato e permanente di psicologia scolastica all’interno degli istituti scolastici di ogni grado, un insieme coerente delle attività integrate relative all’intera gamma delle dinamiche e delle problematiche presenti tra gli operatori e nelle organizzazioni scolastiche”.

Hanno partecipato ai lavori della quarta Commissione consiliare, oltre al presidente Zullino (Lega), i consiglieri Trerotola (Pl), Polese (Iv), Sileo (Lega), Bellettieri e Acito (Fi) e Perrino (M5s).

 

Back to top button